close
share

Politica di investimento

Il fondo investe principalmente in strumenti finanziari di emittenti governativi, societari e organismi sovranazionali caratterizzati principalmente da merito creditizio pari almeno all’investment grade ed in forma residuale in titoli sub-investment grade e privi di rating. Gli investimenti del fondo sono orientati verso strumenti finanziari denominati in euro ed eventualmente in altre divise per le quali viene effettuata una copertura del rischio di cambio. E’ ammesso l’’investimento verso emittenti di Paesi diversi da quelli appartenenti all’Unione Europea. Il fondo può essere investito in titoli di natura obbligazionaria e monetaria fino al 100% del proprio portafoglio.Il patrimonio del fondo, nel rispetto del proprio specifico indirizzo degli investimenti, può inoltre essere investito: in strumenti finanziari non quotati e/o quotandi; in depositi bancari, nei limiti previsti dalla normativa vigente; in strumenti finanziari di uno stesso emittente in misura superiore al 35% delle sue attività quando gli strumenti finanziari sono emessi o garantiti da uno Stato UE, dai suoi enti locali, da uno Stato aderente all’OCSE o da organismi internazionali di carattere pubblico di cui fanno parte uno o più Stati membri dell’UE, a condizione che il fondo detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del fondo; in parti di altri organismi di investimento collettivo in strumenti finanziari (OICR) istituiti e/o gestiti anche dalla SGR o da altre società alla stessa legate tramite controllo comune o con una considerevole partecipazione diretta o indiretta, purché si tratti di OICR specializzati in un settore economico o geografico e che i programmi di investimento dell’OICR siano compatibili con quello del fondo acquirente. Nella gestione del fondo la SGR ha facoltà di utilizzare strumenti finanziari derivati nei limiti ed alle condizioni stabilite dalle vigenti disposizioni e coerentemente con il profilo di rischio e la politica di investimento del fondo.L’esposizione complessiva non potrà essere superiore al valore complessivo netto del fondo. Resta comunque ferma la facoltà di detenere una parte del patrimonio del fondo in disponibilità liquide e, più in generale, la facoltà da parte del gestore di assumere, in relazione all’andamento dei mercati finanziari o ad altre specifiche situazioni congiunturali, scelte anche diverse da quelle ordinariamente previste, volte a tutelare l’interesse dei partecipanti. La SGR adotta uno stile di gestione attivo, con possibili scostamenti della composizione del fondo rispetto al benchmark indicato nel Prospetto d’offerta, attraverso l’investimento in aree geografiche ed in strumenti finanziari di emittenti presenti in proporzioni differenti o addirittura non presenti nell’indice di riferimento. Lo stile di investimento si basa sull’analisi macroeconomica dei mercati e sulla selezione dei titoli che offrono il miglior rapporto rischio/rendimento. La durata media finanziaria dell’insieme degli strumenti finanziari, ivi compresa la liquidità in cui è investito il fondo, sarà tendenzialmente inferiore a 6 mesi. Tale livello potrà variare a seguito delle scelte di politica gestionale e di asset allocation.

Andamento

Fondo Fondersel Short Term Asset
Benchmark 100% ICE BofAML Euro Treasury Bill Index

Commento mensile del gestore

Il mese di giugno è stato caratterizzato dalla ripresa delle attività di rischio, dopo lo storno di maggio, motivato in un primo tempo dagli interventi delle banche centrali a sostegno del ciclo economico e a fine mese dalla tregua nelle tensioni commerciali tra Cina e Usa. 

Informazioni principali

Nome fondo Fondersel Short Term Asset
Benchmark 100% ICE BofAML Euro Treasury Bill Index
Categoria assoggestioni Obbligazionario altre specializzazioni
Forma giuridica Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 85/611 CEE.

Politica di investimento

Il fondo investe principalmente in strumenti finanziari di emittenti governativi, societari e organismi sovranazionali caratterizzati principalmente da merito creditizio pari almeno all’investment grade ed in forma residuale in titoli sub-investment grade e privi di rating. Gli investimenti del fondo sono orientati verso strumenti finanziari denominati in euro ed eventualmente in altre divise per le quali viene effettuata una copertura del rischio di cambio. E’ ammesso l’’investimento verso emittenti di Paesi diversi da quelli appartenenti all’Unione Europea. Il fondo può essere investito in titoli di natura obbligazionaria e monetaria fino al 100% del proprio portafoglio.Il patrimonio del fondo, nel rispetto del proprio specifico indirizzo degli investimenti, può inoltre essere investito: in strumenti finanziari non quotati e/o quotandi; in depositi bancari, nei limiti previsti dalla normativa vigente; in strumenti finanziari di uno stesso emittente in misura superiore al 35% delle sue attività quando gli strumenti finanziari sono emessi o garantiti da uno Stato UE, dai suoi enti locali, da uno Stato aderente all’OCSE o da organismi internazionali di carattere pubblico di cui fanno parte uno o più Stati membri dell’UE, a condizione che il fondo detenga almeno sei emissioni differenti e che il valore di ciascuna emissione non superi il 30% delle attività del fondo; in parti di altri organismi di investimento collettivo in strumenti finanziari (OICR) istituiti e/o gestiti anche dalla SGR o da altre società alla stessa legate tramite controllo comune o con una considerevole partecipazione diretta o indiretta, purché si tratti di OICR specializzati in un settore economico o geografico e che i programmi di investimento dell’OICR siano compatibili con quello del fondo acquirente. Nella gestione del fondo la SGR ha facoltà di utilizzare strumenti finanziari derivati nei limiti ed alle condizioni stabilite dalle vigenti disposizioni e coerentemente con il profilo di rischio e la politica di investimento del fondo.L’esposizione complessiva non potrà essere superiore al valore complessivo netto del fondo. Resta comunque ferma la facoltà di detenere una parte del patrimonio del fondo in disponibilità liquide e, più in generale, la facoltà da parte del gestore di assumere, in relazione all’andamento dei mercati finanziari o ad altre specifiche situazioni congiunturali, scelte anche diverse da quelle ordinariamente previste, volte a tutelare l’interesse dei partecipanti. La SGR adotta uno stile di gestione attivo, con possibili scostamenti della composizione del fondo rispetto al benchmark indicato nel Prospetto d’offerta, attraverso l’investimento in aree geografiche ed in strumenti finanziari di emittenti presenti in proporzioni differenti o addirittura non presenti nell’indice di riferimento. Lo stile di investimento si basa sull’analisi macroeconomica dei mercati e sulla selezione dei titoli che offrono il miglior rapporto rischio/rendimento. La durata media finanziaria dell’insieme degli strumenti finanziari, ivi compresa la liquidità in cui è investito il fondo, sarà tendenzialmente inferiore a 6 mesi. Tale livello potrà variare a seguito delle scelte di politica gestionale e di asset allocation.

Informazioni legali

Banca depositaria State Street Bank GmbH – Succursale Italia
Società di revisione KPMG SpA
Come si può sottoscrivere

I fondi comuni di investimento gestiti da Ersel Asset Management Sgr S.p.A. sono distribuiti in Italia da Ersel Sim S.p.A. e da Online Sim S.p.A. La sottoscrizione di quote del Fondo presso Ersel Sim S.p.A. può avvenire mediante l'apertura di un rapporto di gestione e/o di amministrazione.di amministrazione presso Ersel Sim S.p.A.

Frequenza calcolo nav Giornaliera
Pubblicazione quote Il Sole 24ORE

Fund ticker

Codice ISIN IT0004898018
Codice Bloomberg FONDSTA:IM

Commissioni e versamenti

Commissioni di sottoscrizione 0
Società di rimborso 0
Commissioni di gestione 0,25% su base annua
Commissioni di incentivo 0
Versamenti minimi iniziali 2.500 euro
Versamenti minimi successivi 250 euro

Performance

Periodo Valore quota Fondo Benchmark
- - - -
* Rendimento medio annuo composto
NOTA: Prima dell'adesione leggere il prospetto informativo. Non c'è garanzia di ottenere in seguito il medesimo rendimento.

Andamento

Riepilogo performance

1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo - - - -
Benchmark - - - -
1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo - - - -
Benchmark - - - -
1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo - - - -
Benchmark - - - -

Grafico annuale

Il mese di giugno è stato caratterizzato dalla ripresa delle attività di rischio, dopo lo storno di maggio, motivato in un primo tempo dagli interventi delle banche centrali a sostegno del ciclo economico e a fine mese dalla tregua nelle tensioni commerciali tra Cina e Usa. 

Commento mensile del gestore

Il mercato aveva assegnato inizialmente basse probabilità che il G20 di fine mese potesse essere la data in cui la questione tra le due superpotenze venisse risolta, ma con l’avvicinarsi dell'appuntamento sono trapelati segnali positivi e alla fine alcune concessioni da entrambi i lati sono arrivate. Indubbiamente il ruolo di maggior peso nella svolta positiva del mese è stato giocato dalle banche centrali, in primis la FED, che ha fatto intendere al mercato, con ripetute dichiarazioni, che c’è la concreta possibilità di riaprire una fase espansiva di politica monetaria. Da questo sostegno il mercato ha tratto la forza per un rimbalzo che ha coinvolto l’azionario così come il credito, ma che è partito ancora una volta dai tassi. Il decennale americano ha raggiunto la soglia del 2%, con la curva americana che incorpora già quattro ribassi da parte della Fed, mentre il bund è sceso sotto i minimi del 2016, andando a scambiare a rendimenti inferiori al -0.30%. Il credito ha recuperato terreno, con l’investment grade europeo che ha stretto da 70bp fino a 50bp e il tasso complessivo al di sotto dei minimi del 2017. Il primario è stato abbondante e ben accolto dal mercato grazie anche ai flussi abbondanti di sottoscrizione su fondi ed ETF dedicati al credito e alla ricerca costante di rendimento. Il comparto “high yield” ha visto gli spread tornare sui minimi di aprile con un restringimento di 40bp, un rally tuttavia guidato dalle società con rating BB, più sensibili ai tassi.
Con il repricing delle attese delle banche centrali le parti brevissime delle curve dei tassi sono tornate a scendere. Un clima politico più favorevole in Italia, dove la procedura di infrazione è stata rimandata e una manovra correttiva che ha riportato il deficit in area 2.04% ha portato il rendimento dei BOT annuali nuovamente in territori negativo (scesi da 0.10% fino a -0.15%).
Nel corso del mese, l'allocazione tra le diverse componenti è rimasta stabile, prediligendo i titoli societari, che offrono un premio maggiore rispetto ai governativi.

Factsheet

Documento Aggiornato al Scarica
Report mensile 08/07/2019 PDF get_app

Documenti d'offerta

Documento Aggiornato al Scarica
KIID 22/02/2019 PDF get_app
Regolamento di gestione 25/03/2019 PDF get_app
Prospetto 11/04/2019 PDF get_app

Relazioni semestrali

Documento Aggiornato al Scarica
Relazione semestrale 05/02/2019 PDF get_app

Rendiconti annuali

Documento Aggiornato al Scarica
Rendiconto annuale 03/04/2019 PDF get_app
Gestore
Amedeo Ferrauto
Team investimenti obbligazionari
Marco Castelnuovo
Team investimenti obbligazionari
Livello di rischio
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
Rating
Morningstar star star star star star
CFS Rating star star star star star

Video correlati

Obbligazioni e mercati valutari

Carlo Bodo - 11-lug-2019

Obbligazioni e mercati valutari

Carlo Bodo - 07-giu-2019

Obbligazioni e mercati valutari

Marco Castelnuovo - 17-mag-2019

Articoli correlati