close
share

Specialista nella gestione di grandi patrimoni, Ersel dal 1936 è una realtà unica nel panorama italiano per l’assoluta indipendenza, per l'elevata qualità del servizio, per il rapporto diretto e personale con il cliente, senza reti di vendita.

Scarica il Company Profile

Dal 1936 il capitale delle società del gruppo è interamente detenuto dalla famiglia del fondatore; una scelta di indipendenza perseguita con tenacia e una garanzia di responsabilità e autonomia di giudizio nelle decisioni d’investimento.

Nata a Torino come Studio Giubergia, prima società di fondi comuni autorizzata in Italia, da sempre Ersel affianca alla sua attività principale servizi di consulenza sugli investimenti, servizi fiduciari e di corporate advisory.

Tuttora guidata dalla famiglia del fondatore, alla quarta generazione in azienda, con oltre 18 miliardi di asset dei clienti e uno staff di circa 300 persone, Ersel rappresenta oggi un modello di continuità e innovazione, una scelta sicura, capace di offrire a ogni cliente, privato, istituzionale o azienda, la certezza di un servizio autorevole, trasparente e personalizzato.


Punto di riferimento per le famiglie detentrici di grandi patrimoni

Fin dall’inizio della sua attività lo studio Giubergia è stato un punto di riferimento per le grandi famiglie torinesi, grazie alla sua capacità di interpretare il servizio al di là della mera esecuzione di ordini, attraverso strategie che avevano come obiettivo principale la tutela e la conservazione del patrimonio. Oggi, in uno scenario radicalmente diverso e con la struttura di un gruppo articolato, Ersel si mantiene fedele a questa visione e rimane un porto sicuro in Italia per le famiglie detentrici di grandi patrimoni.
 

Un gruppo articolato

Nel corso degli anni il gruppo è cresciuto fino ad assumere la configurazione attuale, con a capo la holding Ersel Investimenti che controlla Ersel SIM, dedicata al wealth management, a sua volta a capo delle altre società operative. Accanto alle società dedicate alla gestione di fondi comuni di investimento, italiani e lussemburghesi e a Online SIM, piattaforma web oggi leader di mercato in Italia nel collocamento di fondi online, il gruppo comprende anche il polo fiduciario, per l’amministrazione di capitali articolati e complessi, costituito da Simon Fiduciaria e Nomen Fiduciaria, società storicamente legate alla Fiat, acquisite nel 2015. Nel 2018 la preesistente società fiduciaria del gruppo Ersel, Fidersel, è stata incorporata da Nomen.

Nel 2011 è stata aperta una branch a Londra, che dal 2016 svolge anche attività di consulenza e gestione per i clienti.

Nel 2018 con l’ingresso della storica banca milanese Albertini, che condivide con Ersel valori di professionalità etica e trasparenza, il Gruppo Ersel arricchisce l’offerta e rinnova la propria immagine.


Un impegno nel campo della cultura, dell’arte e della filantropia

Il profondo legame con la città di origine e la consapevolezza della responsabilità sociale di un’impresa presente a Torino da oltre 80 anni sono i principi che ispirano l’azione di Ersel nel campo dell’arte e della cultura.

Nel 1993 nasce Fondazione Paideia, con diversi ambiti di attività, ma un solo obiettivo: migliorare l’esistenza dell’intero nucleo familiare colpito da un problema di disabilità. Nel 2018 ha aperto il Centro Paideia, una struttura polifunzionale d’avanguardia per la riabilitazione infantile, uno spazio in cui i servizi specialistici sono integrati con proposte di tempo libero e relax all’interno di una struttura non medicalizzata, ecosostenibile e completamente accessibile, anche in termini di costi, grazie a tariffe calmierate.

Alla fine degli anni ’80 Ersel è stata tra i promotori della Consulta per la valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino, nata per iniziativa di un gruppo di imprenditori cui stavano a cuore il passato e il futuro della città; una forma di moderno mecenatismo orientata a consegnare alle nuove generazioni una Torino più bella e più curata.

Per onorare la memoria dell’Ingegner Renzo Giubergia, dopo la sua scomparsa è nata la Fondazione a lui intitolata, con l’obiettivo di incrociare l’amore per la musica e quello per Torino. Promuove infatti concerti in luoghi della città particolari, che meritano di essere valorizzati e concorsi per giovani talenti.