Globersel Global Equity Classe B - Walter Scott

Overview

Informazioni principali
Nome fondo
Globersel Global Equity Classe B - Walter Scott
Benchmark
95% Morgan Stanley World Developped Market Index 100% hedged in euro; 5% ML Euro Govt Bill Index
Categoria Assogestioni
Azionario Internazionale
Forma giuridica
Fondo comune di investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli.
Politica di investimento
Il comparto investe principalmente in strumenti di natura azionaria denominati in euro, in dollari americani e nelle valute dell’area asiatica appartenenti alle aree geografiche dell’Unione Europea, del Nord America e del Pacifico. Gli investimenti sono effettuati in emittenti a vario grado di capitalizzazione e liquidità e sono diversificati in tutti i settori economici. Il rischio di cambio è soggetto a sistematica copertura al fine di eliminare gli effetti derivanti da oscillazioni dei tassi di cambio. Obiettivo principale del comparto è l’apprezzamento del valore del capitale su un orizzonte temporale di lungo periodo (indicativamente superiore a 5 anni) con un livello di rischiosità elevato. La filosofia d’investimento è basata sulla centralità dell’analisi dei fondamentali, sia a livello settoriale e sia a livello di singole società. Le decisioni vengono pertanto assunte a seguito di un’attività di ricerca basata sulle prospettive reddituali, il livello di valutazione, l’analisi dei flussi e il controllo del rischio. La gestione del comparto è stata delegata a Walter Scott Partners LTD, società di gestione scozzese che vanta un track record eccellente ed ultraventennale sui mercati azionari internazionali.
Per ulteriori informazioni consultare la sezione Documenti..
Livello di rischio
5 (da 1 a 7)
Data di avvio
16/03/2012
Valore quota al 2018.07.12
172,560
Valore patrimonio al 2018.07.12
82.522.512
Informazioni legali
Banca depositaria
Caceis Bank Luxembourg SA
Società di revisione
Ernst &Young S.A.
Come si può sottoscrivere
I comparti gestiti da Ersel Gestion Internationale S.A. sono distribuiti in Italia da Ersel Sim S.p.A. e da Online Sim S.p.A. La sottoscrizione di quote del comparto presso Ersel Sim S.p.A. può avvenire mediante l'apertura di un rapporto di gestione e/o di amministrazione
Frequenza calcolo nav
Giornaliera
Pubblicazione quote
Il Sole 24 Ore
Fund ticker
Codice ISIN
LU0752853290
Codice Bloomberg
GLBREQBLX
Commissioni
Commissioni di sottoscrizione
0
Commissioni di rimborso
0
Commissioni di gestione
1,75% su base annua
Commissioni di incentivo
Tasso annuo del 18% applicato su base trimestrale sulla performance eccedente il benchmark.

Performance

Periodo Valore quota
liquiditaFondo
azioniBenchmark
2018.07.12 172,560 - -
2018.07.11 170,900 0,97 % 0,78 %
1 mese 171,130 0,83 % -0,27 %
3 mesi 164,290 5,03 % 3,33 %
Inizio anno 164,780 4,72 % 1,09 %
1 anno 153,000 12,78 % 7,64 %
3 anni* 138,300 7,63 % 5,43 %
5 anni* 116,090 8,25 % 7,10 %
Dalla nascita (2012.03.16)* 100,000 9,01 % 7,89 %

* Rendimento medio annuo composto.  



Andamento grafico



Tabella riepilogativa

1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo 12,78 % 24,77 % 48,64 % -
Benchmark 7,64 % 17,23 % 40,95 % -
1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo 12,78 % 7,64 % 8,25 % -
Benchmark 7,64 % 5,43 % 7,10 % -
2015 2016 2017 2018
Fondo 2,39 % 3,37 % 16,98 % 4,72 %
Benchmark -0,13 % 5,33 % 13,83 % 1,09 %
1 anno 3 anni* 5 anni* 10 anni*
Fondo 7,38% 7,38% 7,38% 7,38%
Benchmark 7,38% 7,38% 7,38% 7,38%


Grafico annuale

Rating

morningstar
rating
rating
rating
rating
rating

Gestione del fondo

Gestione delegata a: Walter Scott & Partners Ltd
Data inizio gestione: 16/03/2012
UCITS: Si
Domicilio: Luxembourg - 17 rue Jean l’Aveugle, L-1148
Società di gestione: Ersel Gestion Internationale SA

 

Commento mensile del gestore

Image

Giugno 2018
Il mercato azionario italiano, dopo essere tornato sui massimi assoluti da inizio anno ha corretto pesantemente quando si è avvicinato il rischio di un governo 5 Stelle e Lega.

In particolare ha pesato il programma presentato dai due partiti molto aggressivo dal lato delle spese ed in generale polemico nei confronti del rispetto dei vincoli imposti dall’Europa.
In questo contesto i settori peggiori sono stati i finanziari e le banche in particolare penalizzate dall’ampliamento dello spread btp-bund e in generale tutti i titoli legati all’economia domestica come le utilities e i consumi, mentre i migliori sono stati i petroliferi con il prezzo del petrolio arrivato sui massimi e gli industriali che hanno seguito l’andamento dei mercati internazionali che sono tornati verso i massimi.
Fra i titoli migliori evidenziamo quindi Saipem e Tenaris, STM e Pirelli fra gli industriali, e Moncler nel lusso. Fra quelli peggiori troviamo i bancari con Banco BPM e Unicredito, titoli del risparmio gestito con Banca Mediolanum e Banca Generali, oltre a Telecom Italia.

Continua »

Strategie di portafoglio

Nel mese di giugno i mercati finanziari globali hanno iniziato a scontare negativamente l'impatto delle tariffe commerciali ventilate dall'amministrazione Trump e pur rimanendo composti sono scesi quasi ovunque.
L'indice di riferimento è rimasto invariato, nell'aspettativa che le tariffe non vengano estese ulteriormente e che la dialettica più minacciosa a parole lasci il campo ai negoziati (e magari a commesse a favore di società americane). Inoltre i dati macroeconomici rimangono buoni in US e iniziano a migliorare di nuovo anche per il vecchio continente.
Fra i principali mercati, positivi S&P (+0,5%) e Svizzera (+1,8%), ma soprattutto svetta il Messico (+6,7%) a seguito dei risultati elettorali che hanno premiato il candidato favorito, Lopez Obrador detto Amlo. Negativi invece tutti i mercati dei paesi esportatori, DAX (-2,4%), CAC (-1,4%), FTSEMIB (-0,7%), ed emergenti (-4,6%).
A livello settoriale, è stata evidente la sofferenza degli industriali e dei materials per il tema delle tariffe. Il contesto complessivo di avversione al rischio ha poi favorito la discesa dei tassi e la sottoperformance dei finanziari, uno dei settori peggiori del mese e da inizio anno. Per lo stesso motivo, bene invece consumi di base e utilities.
Il contesto ha fatto prevalere ancora lo stile crescita rispetto a quello value, e le large cap rispetto alle mid/small, ad indicare un ciclo economico in fase ormai avanzata.
Nel corso del mese il fondo ha registrato una performance pari a 0,2%, superiore al proprio benchmark.
Su base geografica, bene il contributo dei titoli americani e europei (ex UK). Settorialmente, il contributo positivo è arrivato principalmente dal settore consumi di base che ha un peso superiore all'indice, e grazie alla quasi totale mancanza di titoli finanziari.
Passando all'esame dei singoli titoli, è stata significativa la contribuzione positiva di Reckitt, Inditex e Nike, negativi invece Keyence e Shin-Etsu.
È uscito dal portafoglio Tractor Supply, a causa delle preoccupazioni del team gestionale sull'ingresso nel settore di Amazon e di altri e-tailers. È entrato invece Jardine Matheson, società quotata a Singapore, ma con primi mercati di sbocco in Cina e nel Sud-Est Asiatico. Le attività sono principalmente concentrate nel settore immobiliare, nella distribuzione alimentare e di autoveicoli. Il caso d'investimento è legato al profilo di crescita superiore alla media, con il beneficio della diversificazione del rischio su attività con profili diversi.

Articoli e News correlati