Globersel European Equity - Investec AM

Overview

Informazioni principali
Nome fondo
Globersel European Equity - Investec AM
Benchmark
MSCI Europe index
Categoria Assogestioni
Azionario Europa
Forma giuridica
Fondo comune di investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli.
Obiettivo di investimento
Il Fondo si prefigge una crescita di capitale nel lungo termine, soprattutto attraverso l'investimento in titoli azionari azioni e titoli ivi correlati, direttamente o tramite investimenti in Organismi d'investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM), di società quotate e/o domiciliate in Europa ovvero costituite fuori dall'Europa ma che svolgano una quota consistente delle proprie attività aziendali in Europa, sia in euro che in valuta estera.
Politica di investimento
Gli investimenti sono effettuati in società operanti a tutti i settori economici, con una prevalenza di emittenti dalla capitalizzazione medio-alta. I titoli in cui investe il comparto sono principalmente quotati o negoziati su Mercati regolamentati europei. Il Fondo può investire fino al 10% del patrimonio netto in OICVM o altri Organismi d'investimento collettivo del risparmio (OICR). Il Fondo può, in via residuale, detenere liquidità. Il Fondo può utilizzare tecniche e strumenti finanziari al fine di promuovere un’efficiente gestione del portafoglio.
Livello di rischio
5 (da 1 a 7)
Data di avvio
08/05/2017
Valore quota al 2018.07.12
100,280
Valore patrimonio al 2018.07.12
89.609.467
Informazioni legali
Banca depositaria
Caceis Bank Luxembourg SA
Società di revisione
Ernst & Young S.A.
Come si può sottoscrivere
I fondi comuni di investimento gestiti da Ersel Asset Management Sgr S.p.A. sono distribuiti in Italia da Ersel Sim S.p.A. e da Online Sim S.p.A. La sottoscrizione di quote del Fondo presso Ersel Sim S.p.A. può avvenire mediante l'apertura di un rapporto di gestione e/o di amministrazione.
Frequenza calcolo nav
Giornaliera
Pubblicazione quote
Il Sole 24ORE
Fund ticker
Codice ISIN
LU1598708714
Codice Bloomberg
GLINECU:LX
Commissioni
Commissioni di sottoscrizione
0
Commissioni di rimborso
0
Commissioni di gestione
1,5% su base annua
Commissioni di incentivo
20% sul rendimento in eccesso rispetto all’indice di riferimento composto dal 100% del MSCI Europe index calcolato nel trimestre di riferimento.

Performance

Periodo Valore quota
liquiditaFondo
azioniBenchmark
2018.07.12 100,280 - -
2018.07.11 99,860 0,42 % 0,76 %
1 mese 102,410 -2,07 % -0,63 %
3 mesi 100,200 0,07 % 2,83 %
Inizio anno 104,270 -3,82 % 0,72 %
1 anno 97,540 2,80 % 2,54 %
Dalla nascita (2017.05.05)* 100,000 0,23 % 0,76 %

 * Rendimento medio annuo composto.


Prima dell'adesione leggere il prospetto informativo.
Non c'e' garanzia di ottenere in seguito il medesimo rendimento. 



Andamento grafico



Gestione del fondo

Gestione delegata a: Investec Group
Data inizio gestione:

08/05/2017

UCITS: Si
Domicilio: Luxembourg - 17 rue Jean l’Aveugle, L-1148
Società di gestione: Ersel Gestion Internationale SA

 

Commento mensile del gestore

Image

Giugno 2018
Il mercato azionario italiano, dopo essere tornato sui massimi assoluti da inizio anno ha corretto pesantemente quando si è avvicinato il rischio di un governo 5 Stelle e Lega.

In particolare ha pesato il programma presentato dai due partiti molto aggressivo dal lato delle spese ed in generale polemico nei confronti del rispetto dei vincoli imposti dall’Europa.
In questo contesto i settori peggiori sono stati i finanziari e le banche in particolare penalizzate dall’ampliamento dello spread btp-bund e in generale tutti i titoli legati all’economia domestica come le utilities e i consumi, mentre i migliori sono stati i petroliferi con il prezzo del petrolio arrivato sui massimi e gli industriali che hanno seguito l’andamento dei mercati internazionali che sono tornati verso i massimi.
Fra i titoli migliori evidenziamo quindi Saipem e Tenaris, STM e Pirelli fra gli industriali, e Moncler nel lusso. Fra quelli peggiori troviamo i bancari con Banco BPM e Unicredito, titoli del risparmio gestito con Banca Mediolanum e Banca Generali, oltre a Telecom Italia.



Continua »

Strategie di portafoglio

Nel mese di giugno i mercati finanziari europei hanno iniziato a scontare negativamente l'impatto delle tariffe commerciali ventilate dall'amministrazione Trump e pur rimanendo composti sono scesi quasi ovunque.
L'indice azionario europeo ha così ceduto un modesto -0,7% in EUR, nell'aspettativa che le tariffe non vengano estese ulteriormente e che la dialettica più minacciosa a parole lasci il campo ai negoziati (e magari a commesse a favore di società americane). Inoltre i dati macroeconomici iniziano a migliorare di nuovo e la reporting season alle porte lascia spiragli di ottimismo per le trimestrali delle prossime settimane.
Fra i principali mercati hanno chiuso positive solo la Svizzera (+1,8%) e la Spagna (+1,7%), mentre sono negativi tutti i mercati dei paesi esportatori, DAX (-2,4%), CAC (-1,4%), FTSEMIB (-0,7%).
A livello settoriale, è stata evidente la sofferenza dei settori industriale, auto e dei materials per il tema delle tariffe. Il contesto complessivo di avversione al rischio ha poi favorito la discesa dei tassi e la sottoperformance dei finanziari, uno dei settori peggiori del mese e da inizio anno. Per lo stesso motivo, bene invece consumi di base e utilities.
Il contesto ha fatto prevalere ancora lo stile crescita rispetto a quello value, e le large cap rispetto alle mid/small.
Nel corso del mese, il fondo ha registrato una performance pari a -1,1%, inferiore al proprio benchmark.
Su base geografica, bene il contributo dei titoli tedeschi e francesi, in sé e per il relativo sottopeso.
Settorialmente, il contributo è stato negativo ed imputabile principalmente al settore consumi di base che ha un peso molto inferiore all'indice. Negativo anche quello legato ai titoli finanziari, principale scommessa attiva del fondo.
Passando all'esame dei singoli titoli, è stata significativa la contribuzione positiva di Repsol, Befesa e Dobank, negativi invece Just Eat per un aumento di competizione nel settore e Anglo American.
Sono uscite dal portafoglio Prudential e Prosegur, mentre sono rientrate Imperial Brands e Microfocus, entrambe molto a sconto sulle valutazioni medie di settore e che presentano un ottimo quadro grafico. Nuovi ingressi invece sono DSM, società olandese nel settore della nutrizione e della salute e S&T, azienda austriaca nel settore IT.

Documenti

Report

Prospetto informativo

Relazioni semestrali

Rendiconti annuali

Video correlati