close
share

L’Italia è tornata sotto i riflettori. I difficili negoziati per la formazione del nuovo governo hanno fatto precipitare il Paese in un’inedita crisi politica e istituzionale.

Risk off? Fondamentali solidi ma i rischi politici spingono alla cautela

Per i mercati finanziari, finora alle prese con guerre commerciali e crisi geopolitiche, è subito scattata una nuova spia di allarme. In primo piano è tornato il «malato» Italia accompagnato, questa volta, da una maggior presa di coscienza sui rischi in arrivo dal populismo nella sua espressione europea. Il conto delle nuove preoccupazioni è finito su Piazza Affari che, in poche sedute, ha ceduto tutto il terreno guadagnato nel corso dell’anno. Con l’innesco della nuova fase di risk off, vale a dire di avversione al rischio, anche il debito italiano è tornato di nuovo nel mirino delle vendite. La corsa si è tradotta in una fiammata dello spread tra Btp e Bund tedeschi con il temuto differenziale che in un lampo è risalito a livelli che non si vedevano dalla primavera del 2013, sopra quota 300. Nelle sedute successive il valore ha tuttavia rifiatato ma la volatilità rimane alta.


RISPARMIO ENERGETICO ATTIVO

Questa schermata consente al tuo monitor di consumare meno energia quando il computer resta inattivo.

Clicca in qualsiasi parte dello schermo per riprendere la navigazione.


Ersel