close
share

Guardare all’anno di Borsa che verrà è come cercare di indovinare che regalo ci attende sotto l’albero di Natale. Le aspettative, si sa, a volte sono destinate a fallire. Difficile dire con certezza che cosa accadrà sui mercati nel 2020. E’ però un esercizio che gli economisti ripetono puntualmente a ogni scadere del vecchio anno.

L’anno che verrà

Focus

Un anno di elezioni

La statistica dice che le performance delle annate elettorali sono quasi sempre molto generose: negli anni delle presidenziali, in media, l’indice guida di Wall Street, lo S&P500, ha messo a segno un robusto 9,1%, contro l’8,8% medio. Il 2020 potrebbe essere altrettanto favorevole, anche sulla spinta di un Presidente in carica che ha dimostrato di saper convincere gli elettori con le sue scelte in economia.

Più che avvicinarsi a numeri concreti sull’andamento degli indici o dell’economia, provano a definire un elenco dei temi e degli appuntamenti clou che faranno felici gli investitori nei mesi a venire. O che, al contrario, rischiano di essere insidiosi per i portafogli di investimento.
 

Cosa ci aspetta nel 2020?
Con molta probabilità l’intonazione generale nel nuovo anno arriverà dagli Stati Uniti, non soltanto perché c’è grande attenzione sullo stato di salute della locomotiva del mondo. Il 2020 sarà, infatti, l’anno del voto negli Usa. E nonostante l’appuntamento sia fissato nell’autunno inoltrato (3 novembre), la campagna elettorale animerà la scena per tutti i mesi che precederanno la chiamata alle urne (per il 3 marzo è fissato il Super Tuesday, a metà luglio si terrà la Convention Democratica per le Presidenziali e a fine agosto sarà la volta di quella dei Repubblicani). La rielezione di Donald Trump è data per scontata ma le attese sono, più che altro, sul varo di possibili misure che facciano volare l’economia e i mercati.

Continua leggendo il pdf.

Scenario macroeconomico

Alberto Cattaneo - 27-nov-2019

Mercato azionario italiano

Marco Nascimbene - 04-mar-2019