close
share

Sui mercati il petrolio è tornato protagonista. Nelle ultime settimane il prezzo del greggio ha ripreso a rialzarsi. La sveglia è arrivata dopo un letargo che durava da diversi anni ormai e che aveva schiacciato le quotazioni in area 40-50 dollari.

Il risveglio del petrolio

Focus

Petrolio protagonista

A fine marzo è scattata la corsa in avanti e il greggio della qualità Brent è tornato sopra i 75 dollari.

A fine marzo è scattata la corsa in avanti e il greggio della qualità Brent è tornato sopra i 75 dollari (il Wti si muove intorno ai 68 dollari). È un livello che non si vedeva dal dicembre del 2014. Soltanto nell’ultimo mese, il valore del barile ha fatto un balzo in avanti del 15%. Proseguendo di questo passo, all’orizzonte potrebbe presto presentarsi quota 100 dollari.
La fiammata del petrolio è un nuovo motivo di incertezza per le piazze finanziarie. Il timore è che il rincaro del greggio possa diventare duraturo e portare a un rapido aumento dell’inflazione che, a sua volta, potrebbe spingere le Banche centrali a rivedere i propri piani sui tassi d’interesse. In particolare negli Stati Uniti dove, a marzo, si è già vista una risalita del costo della vita e i salari sono diventati un po’ più robusti. I due dati, se confermati anche nei prossimi mesi, potrebbero spronare la Fed, la Banca centrale Usa, ad aumentare il costo del denaro più di quanto previsto dagli operatori.

Mercato azionario italiano

Marco Nascimbene - 23-mar-2022

Mercato azionario italiano

Marco Nascimbene - 28-ott-2021

RISPARMIO ENERGETICO ATTIVO

Questa schermata consente al tuo monitor di consumare meno energia quando il computer resta inattivo.

Clicca in qualsiasi parte dello schermo per riprendere la navigazione.


Ersel