close
share

L’economia americana continua a fornire segnali incoraggianti. Il mercato immobiliare prosegue nel processo di lento e graduale miglioramento (476k case vendute in maggio), i redditi e la capacità di spesa sono cresciuti sempre in maggio dello 0,5% e dello 0,3% rispettivamente (contro tassi di crescita negativi del mese precedente), la fiducia dei consumatori fa segnare un nuovo massimo dal 2007, gli ordini di beni sono in progressione del 3,6%.

Quadro Macro

Stati Uniti

Se non fosse per la revisione al ribasso della crescita del GDP del 1Q13 dal 2,4% al’1,8%, lo scenario tenderebbe a un graduale moglioramento congiunturale tale da giustificare le parole del Governatore della Fed circa la possibilità di progressiva e anticipata chiusura del QE3. A tal proposito rimane centrale l’appuntamento della prossima settimana con le statistiche mensili sul mercato del lavoro per poter monitorare da vicino l’evoluzione del tasso di disoccupazione (variabile chiave per le decidioni dell’autorità monetaria). 
 

Area Euro

Le recenti statistiche macroeconomiche relative all’area euro hanno corroborato lo scenario di un graduale miglioramento dell’economia. Sia per quanto riguarda l’aggregato europeo, che per la stessa Germania, gli indici di fiducia sono stati migliori delle attese, con un distinguo particolare tra le prospettive industriali in miglioramento e quelle dei consumatori ancora al palo.