Globersel Emerging Bond - Insight Investments

Overview

Informazioni principali
Nome fondo
Globersel Emerging Bond – Insight Investments
Benchmark
60% JPM GBI-EM Global Diversified (GBI-EMGD) in Euro, 20% Barclays EM USD Aggregate Sovereign Hedged in Euro, 20% JP Morgan Corporate EM Broad Diversified Hedged in Euro
Categoria Assogestioni
Obbligazionario Paesi Emergenti
Forma giuridica
Fondo comune di investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli specializzato nell’investimento in quote di OICR
Politica di investimento
L'obiettivo è la crescita del capitale, perseguita investendo principalmente in obbligazioni o altri valori mobiliari della stessa natura emessi da Stati, enti locali e organismi pubblici sovranazionali di paesi emergenti o società appartenenti a paesi emergenti. Il comparto segue una politica attiva di asset allocation in funzione dell'andamento dei diversi mercati in cui opera, con l'obiettivo di ottenere una performance assoluta a lungo termine senza un riferimento diretto con il benchmark di mercato. Le emissioni scelte possono essere in valuta locale o in valuta estera (valuta forte). Il comparto investe sia in obbligazioni con rating Investment Grade, sia in obbligazioni con rating inferiore e può investire anche in altri titoli e strumenti di credito a tasso fisso o variabile, a breve o a lungo.
Per ulteriori informazioni consultare la sezione Documenti..
Livello di rischio
4 (da 1 a 7)
Data di avvio
02/11/2011
Valore quota al 2018.07.13
103,230
Valore patrimonio al 2018.07.13
89.608.010
Informazioni legali
Banca depositaria
Caceis Bank Luxembourg SA
Società di revisione
Ernst &Young S.A.
Come si può sottoscrivere
I comparti gestiti da Ersel Gestion Internationale S.A. sono distribuiti in Italia da Ersel Sim S.p.A. e da Online Sim S.p.A. La sottoscrizione di quote del comparto presso Ersel Sim S.p.A. può avvenire mediante l'apertura di un rapporto di gestione e/o di amministrazione.
Frequenza calcolo nav
Giornaliera
Pubblicazione quote
Il Sole 24ORE
Fund ticker
Codice ISIN
LU1753032512
Codice Bloomberg
LEMBOPP LX
Commissioni
Commissioni di sottoscrizione
0
Commissioni di rimborso
0
Commissioni di gestione
1,1% su base annua
Commissioni di incentivo
15% della differenza positiva tra la performance del comparto e l’indice di riferimento composto da 20% Barclays EM USD Aggregate Sovereign (BSSU) hedged in euro, 60% JPMorgan Global Bond Index – EM Global Diversified (GBI-EMGD) USD (convertito in euro), 20% JPMorgan Corporate Emerging Market Index Broad Diversified (CEMI BD) hedged in euro. La performance fee viene calcolata e pagata annualmente.

Performance

Periodo Valore quota
liquiditaFondo
azioniBenchmark
2018.07.13 103,230 - -
2018.07.12 102,920 0,30 % 0,25 %
1 mese 102,970 0,25 % 0,60 %
3 mesi 108,800 -5,11 % -2,95 %
Dalla nascita (2018.01.31)* 108,960 -5,25 % -3,42 %

* Rendimento medio annuo composto.  


Prima dell'adesione leggere il prospetto informativo.
Non c'e' garanzia di ottenere in seguito il medesimo rendimento. 



Andamento grafico



Tabella riepilogativa

1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo - - - -
Benchmark - - - -
1 anno 3 anni 5 anni 10 anni
Fondo - - - -
Benchmark - - - -
1 anno 3 anni* 5 anni* 10 anni*
Fondo 7,38% 7,38% 7,38% 7,38%
Benchmark 7,38% 7,38% 7,38% 7,38%


Grafico annuale

Rating

morningstar
rating
rating
rating
rating
rating

Gestione del fondo

Gestione delegata a: Insight
Data inizio gestione: 11/02/2011
UCITS: Si
Domicilio: Luxembourg - 17 rue Jean l’Aveugle, L-1148
Società di gestione: Ersel Gestion Internationale SA

 

Commento mensile del gestore

Image

Giugno 2018
I tassi nel mese di giugno sono scesi nei paesi “core” dell’Europa, mentre sono rimasti sostanzialmente invariati in USA.

Per quanto riguarda invece la “periferia” europea, la recente crisi politica italiana ha rappresentato una discontinuità importante: anche se i tassi del decennale italiano sono molto vicini ai livelli di inizio mese, la volatilità è molto aumentata e l’incertezza della situazione ha reso molto differente il quadro dei tassi di quest’area rispetto ai mesi scorsi. Il decennale spagnolo ha risentito degli sviluppi della crisi politica italiana in termini di volatilità, ma il tasso è sceso nel corso del mese di giugno.
Per quanto riguarda gli emergenti in valuta forte, il movimento di deprezzamento ha continuato, nonostante sia il dollaro che il treasury americano abbiano un po’ segnato il passo nel mese di giugno, i flussi hanno continuato a mettere sotto pressione l’asset class, con alcune banche centrali che hanno rapidamente invertito le loro posizioni di politica monetaria da espansive a restrittive a causa della pressione sulle rispettive divise. Per quanto riguarda l’emergente in valuta locale, valgono considerazioni analoghe, i benchmark di mercato, l’indice JP Morgan GBI-EM ha continuato a scendere nel mese, appesantito soprattutto dalle divise di alcuni paesi, in particolare: Peso argentino, Real brasiliano e Rand sudafricano. L’indice di riferimento per gli emergenti in divisa forte, JP Morgan EMBI global, ha superato velocemente i massimi di maggio, andando in area 380-390.
Gli spread sui titoli corporate hanno allargato seguendo l’andamento dell’equity e ignorando invece il miglioramento della periferia: l’iTraxx Main ha allargato di circa 7bps, il Crossover di circa 20bps, mentre il Cds sui subordinati finanziari ha seguito più da vicino il movimento dei periferici, rimanendo nel mese molto volatile ma chiudendo prossimo ai livelli di inizio mese.


Continua »

 

 

Strategie di portafoglio

Durante il mese il fondo ha fatto registrare una performance di -3.17%, inferiore a quella del benchmark (-2.04%). La debolezza sui mercati emergenti è principalmente attribuibile a fattori tecnici anziché fondamentali. Gli attivi emergenti hanno faticato in un mese caratterizzato da numerosi eventi geopolitici (protezionismo USA, problemi politici italiani, l’accordo nucleare dell’Iran) così come da un rinnovato focus sui paesi emergenti con vulnerabilità esterne e necessità di finanziamento, in primis Argentina e Turchia. Anche se sono stati fatti paragoni con quanto accaduto in crisi passate, il gestore evidenzia alcune fondamentali differenze tra l’attuale periodo di stress e i precedenti. Infatti i bilanci di questi paesi in aggregato sono migliorati e la crescita è ora più sostenuta. Anche se i loro livelli di indebitamento sono cresciuti, gli emergenti rimangono comunque meno indebitati dei paesi sviluppati e alcuni debitori hanno usato le condizioni favorevoli degli anni recenti per estendere i loro profili di scadenza. In ogni caso i paesi con problemi di vulnerabilità esterne rimarranno sotto i riflettori in un contesto di tassi US in rialzo e rafforzamento del USD. In conclusione, dato che per i paesi emergenti la storia fondamentale rimane intatta e la politica di normalizzazione dei tassi statunitensi avviene a fronte di un incremento della crescita e di aspettative di inflazione stabile, la rinnovata volatilità sul debito emergente ne migliora la proposta di valore e fornisce opportunità per aggiungere esposizione a seguito a periodi di debolezza.
Il posizionamento del fondo presenta un sottopeso delle obbligazioni in valuta locale. A livello geografico si evidenzia un sottopeso di Asia ed Est Europa e un sovrappeso di America latina, Africa e Medio Oriente.

Documenti

Report

Prospetto informativo

Relazioni semestrali

Rendiconti annuali

Premi

Articoli e News correlati