BORSA: azionario resta in calo in attesa Bce

14 giugno 2018 12.51


MILANO (MF-DJ)--L'azionario europeo si conferma sotto la parita' a meta'
seduta, con il Ftse Mib che segna un -0,56% a 22.091 punti, il Dax in
flessione dello 0,3% e il Ftse-100 dello 0,48%.

La Fed, come da attese, ha alzato i tassi di 25 punti base e ha fornito
indicazioni piu' 'falco' sul ritmo dei prossimi rialzi.

Oggi sara' il turno della Bce, vista ferma sui tassi. Il focus sara'
sulle parole del Presidente, Mario Draghi, che terra' una conferenza
stampa alle 14h30, e sulle eventuali indicazioni sulla tempistica
dell'uscita dal QE.

Ibanchieri, spiega Michael Hewson , Chief Market Analyst di CMC
Markets, devono fare i conti con "tanti segnali contrastanti sull'economia
europea" e bisogna chiedersi "se la forte crescita che abbiamo visto nel
2017 sia alle spalle, in un periodo in cui l'inflazione ora sembra
ripartire". Da valutare per l'esperto anche se il rialzo dell'inflazione
sia o meno transitorio.

A piazza Affari cedono il passo banche e utility, in un contesto in cui
lo spread e' tornato un po' a salire (239 punti base il differenziale sul
decennale Btp/Bund): Italgas -2,44%, Mediobanca -1,5%, Terna -1,4%, Intesa
Sanpaolo -1,33%, Ubi B. -1,32%, Unicredit -1,3%, Snam -1,2%, A2A -1,1%.

Tra le mid cap bene Dobank (+4,2% a 10,42 euro), su cui Citigroup ha
confermato il rating neutral e il prezzo obiettivo a 12,3 euro in attesa
del piano, che verra' presentato martedi'. Sull'Aim Italia acquisti su Bio
On (+3,39%).
pl
paola.longo@mfdowjones.it
(fine)

MF-DJ NEWS
1412:49 giu 2018