“Reddito fisso addio, le alternative sono i prodotti short-long”

25-gen-2016

Andrea Rotti, direttore gestioni patrimoniali di Ersel, giudica poco appetibili molte soluzioni di investimento obbligazionario e si orienta verso soluzioni diverse dalle asset class tradizionali.

Image “Reddito fisso addio, le alternative sono i prodotti short-long”

È la strada da seguire secondo Andrea Rotti, direttore investimenti gestioni patrimoniali Ersel, in una fase in cui la compressione dei rendimenti obbligazionari, frutto delle politiche monetarie espansive, ha reso poco appetibili molte soluzioni di investimento a reddito fisso.

Come nel caso del “rendimento a scadenza ottenibile da un paniere di titoli governativi dell’area euro (Germania, Francia, Italia e Spagna) con scadenza media tra tre e cinque anni che oggi è nullo”, sottolinea. “Una parte dei portafogli (25-30% per un profilo di investimento moderato) può quindi essere orientata verso soluzioni diverse dalle asset class tradizionali”, spiega Rotti. 

La cui preferenza va in particolare alle strategie di tipo hedge all’interno delle quali “prediligiamo gli approcci event driven (ossia, legati all’esito di eventi societari, ndr) e merger arbitrage (arbitraggio in fusioni e acquisizioni, ndr), focalizzati sulle operazioni di finanza straordinaria e consolidamento settoriale che stanno avvenendo, con sempre più crescente intensità, da 18 mesi a questa parte”.

Interessanti in ottica di investimento per l’esperto sono poi gli approcci long-short equity (dove il rendimento viene generato assumendo posizioni lunghe su alcuni titoli ritenuti sottovalutati e finanziandosi con delle posizioni corte su titoli sopravvalutati, ndr), “sulla base del convincimento che la maggior dispersione delle valutazioni, che sta incominciando a manifestarsi, sia il terreno più fertile per questo tipo di strategie”.