Piazza promettente

Intervista a Marco Nascimbene, Fund Manager di Fondersel PMI e del Team Italia di Ersel

Milano Finanza - Pag. 6/7 9-ago-2014

Il dato deludente del PIL ha azzerato i guadagni della borsa, complici gli scarsi volumi estivi. Ma a parrere dei gestori il listino azionario ha margine per recuperare fino al 15% entro fine anno. Grazie a Draghi e a una lieve ripresa.

Image Piazza promettente

"Nell'ultimo mese il mercato azionario italiano è stato colpito da una violenta correzione, molto accentuatasi durante questa settimana, perdendo gran parte delle performance in eccesso ripetto agli altri indici europei. Le motivazioni delle correzioni dei mercati vanno cercate sia nei dati economici più deboli in Europa sia nelle tensioni geopolitiche. A livello italiano il dato negativo del PIL nel secondo trimestre 2014 ha amplificato queste preoccupazioni favorendo una presa di profitto generalizzat, a visti anche i guadagni realizzati da inizio anno",

spiega Marco Nascimbene gestore Team Italia di Ersel e fund manager di Fondersel PMI.

A tutto ciò si deve aggiungere che i movimenti al ribasso nel periodo estivo sono amplificati dai volumi tipicamente più bassi. (...)

Molto colpite dalle vendite sono state le banche, che nell'indice Ftse Mib hanno un peso rilevante. "Sul settore bancario, soprattutto dopo gli aumenti di capitale, molti investitori, in particolare stranieri, avevano costruito posizioni importanti che hanno ridotto in questo periodo anche per arrivare con una posizione più prudente in vista dell'Asset Quality review", afferma Nascimbene.

Ma il ritorno della volatilità prelude a ulteriori ribassi?

"Riteniamo che le condizioni di fondo che ci portano a essere positivi sul mercato italiano non siano cambiate, infatti il dato negativo del PIL italiano conferma la difficoltà di far partire la ripresa economica in Italia, ma la reazione del mercato è stata troppo violenta. I risultati aziendali del primo semestre sono stati in generali buoni e approfittando dei flussi in uscita si può investire ai prezzi di inizio anno", prosegue il gestore di Ersel. (...)