Alle azioni il primato di interesse

Intervista ad Andrea Nascè, Direttore Investimenti Multimanager di Ersel

CorrierEconomia, pag. 18/19 24-giu-2013

I listini devono digerire la fine delle iniezioni di liquidità. Poi saranno le Borse ad avere il miglior rapporto rischio rendimento.

Image Alle azioni il primato di interesse

"Per qualche settimana potrebbe esserci un po' di turbolenza. Ma poi i mercati digeriranno la fine annunciata delle iniezioni di liquidità e le azioni torneranno ad essere con il miglior rapporto rischio e rendimento".

Andrea Nascè, direttore investimenti di Ersel Asset Management Sgr al timone del bilanciato Fondersel dal 2004 spiega così le strategie della casa, che è stata la prima Sgr italiana e che quindi porta il numero uno nelle società di gestione del risparmio. Il portafoglio che negli ultimi 25 anni ha reso il 330%, con un risultato medio annuo del 6% è attivo dal 27 agosto 1984. Una storia lunghissima, che pochi prodotti italiani possono vantare e che è cominciata all'insegna di Piazza Affari e dei soli titoli di Stato, perchè all'epoca della nascita dei fondi comuni non era possibile per i gestori investire fuori dal Paese.

Oggi le cose sono molto diverse...

"Assolutamente. E per i risparmiatori è un grande vantaggio. Prendiamo due numeri: la Borsa Italiana dista ancora il 50-60% dai massimi raggiunti nel 2007. Fondersel, che si è trasformato lungo la strada in un bilanciato internazionale, il 20 maggio del 2013 ha segnato un nuovo massimo storico superiore a quello raggiunto prima della crisi. Perchè la diversificazione e la navigazione tra tutte le possibili offerte de mercato globale ha dato buoni risultati." (...)

Dove investire in questo particolare momento?

"Il nostro indice di riferimento pervede un 40% di azioni, un 56% di obbligazioni e un 4% di materie prime. In queste ultime due settimane abbiamo ridotto il peso delle Borse al 35-36%, ma solo per aspettare che passi l'incertezza. Restiamo infatti convinti che dalle Borse possa venire la remunerazione più interessante del rischio nei prossimi mesi. Sul fronte delle obbligazioni non è possibile aspettarsi ancora molto. Ad ogni modo Fondersel contiene circa il 10% dei Btp italiani con scadenza media biennale che offrono ancora rendimenti positivi, il resto è investito in bund tedeschi, titoli di stato internazionali e liquidità".