Yuan, la nuova mossa cinese tra incertezze di Francia e Olanda. Primo salvare i patrimoni

Intervista a Guido Giubergia, Presidente e Amministratore Delegato Ersel

La Repubblica - Affari & Finanza, pag. 47 30-apr-2012

Il riacutizzarsi delle tensioni sui debiti sovrani di alcuni Paesi dell'area euro; l'allentamento della presa sullo yuan da parte della Banca centrale cinese in concomitanza con le voci di una frenata della crescita economica del Paese, le incertezze politiche in Francia e Olanda.

Image Yuan, la nuova mossa cinese tra incertezze di Francia e Olanda. Primo salvare i patrimoni

 

Le ultime settimane sono state molto calde sul piano finanziario con ricadute dirette sull'operatività dei private banker, che se da una parte mantendono fede all'approccio tradizionale che li vuole focalizzarsi sulla valorizzazione dei patrimoni a medio-lungo termine, dall'altra devono fronteggiare le preoccupazioni dei clienti per il ritorno delle tensioni finanziarie. 

Di fronte al complicarsi delle relazioni tra mondo dell'impresa e del credito, Ersel sta pensando di trasformarsi da sim a banca.

 "I nostri clienti sono quasi tutti imprenditori, per cui questo passaggio ci consentirebbe di concedere crediti - spiega Guido Giubergia, presidente e amministratore delegato della società - In ogni caso, i finanziamenti non verrebbero concessi alle aziende, ma ai clienti com eprivati e solo se pienamente garantiti". Dal punto di vista degli investimenti, Ersel ha da poco lanciato un fondo comune per investire sui mercati emergenti, "destinati a crescere più dei mercati maturi per diversi anni" motiva Giubergia. E ora sta studiando un fondo quantitativo che affida le gestioni di compravendita a software di calcolo, preimpostati secondo criteri di contenimento del rischio.