Banchieri, i numeri uno sul podio

Milano Finanza - pag. 23 14-mar-2008

Ottimismo, fiducia e consapevolezza del valore che è ancora possibile individuare e cogliere sul mercato sono gli elementi che hanno caratterizzato l'edizione 2008 dei "Milano Finanza Global Awards" che si è tenuta mercoledì 12 marzo presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci". Non uno dei banchieri e degli uomini di finanza, che è salito a ritirare i premi sul palco, ha accettato termini come crisi e difficoltà, ma anzi in generale si sono dimostrati tutti fiduciosi e determinati, nello stesso modo in cui lo sono quando conducono gli istituti per cui lavorano ai risultati per i quali sono stati premiati.

I "Milano Finanza Global Awards", infatti, sono stati dedicati, come avviene ormai di tradizione ogni anno, a premiare le società e i manager che hanno ottenuto le migliori performance nell'anno precedente, all'interno di cinque categorie di riconoscimenti che fotografano le diverse personalità e i risultati caratterizzanti l'attività bancaria e finanziaria, in termini di performance, creatività, prodotti e servizi. (...)

Per la crescita delle masse gestite e per la strategia di costante attenzione ai profili di rischio della clientela, in un anno estremamente difficile per il wealth management, Ersel ha ottenuto il premio Guido Carli come miglior Private Bank. L'amministratore delegato, Guido Giubergia, che ha ritirato il premio, ha ribadito una posizione di fiducia dichiarando che nel lungo termine ci sono delle grandi opportunità, visto che ci sono diverse società che sono state castigate dal mercato più di quanto meritassero. (...)

Il giudizio più alto di tutta la manifestazione, la Tripla A, ha riservato ad Ersel Asset Management due premi per i fondi Fondersel Oriente e Fondersel Euro. (...)